casa editrice la fiaccola



Autisti di bus e pullman protetti grazie alle paratie divisorie di ManPossono essere previste sia in fase di assemblaggio, sia in retrofit



Man Truck & Bus si è mossa lungo la strada della biosicurezza nel trasporto passeggeri. Sui veicoli del Marchio sono pronte a salire paratie divisorie tra la cabina di guida e lo spazio riservato agli utenti del servizio, così da proteggere i driver impegnati nello svolgimento del proprio lavoro.

L'elemento, sviluppato 'ad hoc', si presta all'installazione su diverse tipologie di mezzi: bus che circolano in città e in ambito interurbano, nonché pullman. Può essere previsto come componente nativo (fase di assemblaggio in fabbrica), così come in retrofit.  Le due versioni proposte si differenziano per la presenza o meno di una fessura che potrà essere utilizzata per la gestione dei biglietti.

Installabili in tempi rapidi presso il Man Bus Modification Center a Plauen (Germania), riservato a soluzioni adattative su misura, lo schermo protettivo è realizzato in policarbonato infrangibile con profili in alluminio, mentre il pannello inferiore è in vetro satinato.

(descrizione)Un primo esempio di veicolo con paratia divisoria montata - un Lion's Coach - riguarda la squadra di calcio tedesca del VfL Wolfsburg, prima compagine della Bundesliga a essere ricorsa a questa protezione rispetto al pericolo di contagio da Covid-19.

Elementi di separazione con finalità igienico-protettiva sono stati previsti da Man anche a bordo dei Lion's City E assegnati alle società Hamburger Hochbahn (HHA) di Amburgo e Verkehrsbetriebe Hamburg-Holstein GmbH (VHH) per una sperimentazione direttamente 'on the road'.

"La paratia è alta fino al tetto e mantiene la postazione di guida completamente separata dall'area passeggeri, proteggendo sia i conducenti sia i clienti - ha sottolineato Heinz Kiess, Head of Product Marketing Bus di Man Truck & Bus -. La sicurezza degli autisti è una delle nostre grandi priorità. I conducenti svolgono un ruolo importante per la società, perché mantengono sempre operativo il sistema del trasporto passeggeri. Le paratie igienico-protettive, da noi appositamente sviluppate, soddisfano tutti i requisiti legali e non compromettono mai la visibilità dell'autista".

A giustificare in qualche modo la scelta dell'azienda, arriva poi la seguente dichiarazione di Kiess: "Abbiamo notato in ambito urbano una crescente domanda di questi presidi, ma abbiamo anche ricevuto richieste anche per gli autobus interurbani". Il rispetto delle regole di distanziamento e dei protocolli di igienizzazione rimane comunque un valido riferimento, tanto più che verrà un momento in cui sarà ripristinata la possibilità di accesso al mezzo tramite la porta anteriore e che anche le sedute delle prime due file, laddove precluse, torneranno utilizzabili, esponendo il driver a un maggior numero di contatti con le persone, sia per rispondere alle loro domande, sia per la vendita dei biglietti.

Partner